Conviviale del 24 settembre: una serata con Andrea Malagoli

Andrea MalagoliLa serata del 24 maggio si è tenuta al ristorante Vinicio. Il Presidente Marco Righi apre la serata ricordando i prossimi impegni rotariani e sottolinea che martedì prossimo 1 ottobre non ci sarà Giovanni Spinella, Presidente degli amici del cuore, come previsto, a causa di un impegno improrogabile del relatore : viene quindi spostato al primo ottobre il Consiglio Direttivo, inizialmente previsto per il 15 ottobre. Marco Righi passa poi a presentare l’ospite della serata, il Dr. Andrea Malagoli, Consigliere Esecutivo e Amministratore Delegato Pharma Business I.M.A. Industrie Macchine Automatiche S.p.A. di Bologna, di cui legge un breve curriculum (vedi inserto) e gli passa la parola.

Andrea Malagoli ricorda brevemente gli inizi della attività della ditta : nasce nel 1961 con l’idea di automatizzare la produzione delle bustine di idrolitina, ma l’idea ben presto fallisce per il concomitante boom delle acque minerali. La ditta viene quindi rilevata dalla famiglia Vacchi, che comincia con la produzione di macchine per fare le bustine del thè. L’inizio è dimesso : oggi I.M.A. è il massimo produttore mondiale di impianti  farmaceutici (2/3 del business) e impianti per alimenti (1/3). Conta 3500 dipendenti sparsi in tutto il mondo, il fatturato 2012 è stato di 734 milioni di euro. I.M.A. disegna e progetta tutti i macchinari, la produzione è affidata a terzi, poi I.M.A. collauda , vende e fa assistenza ai clienti.

I due punti di forza della ditta sono la ricerca e lo sviluppo interno e la rete di vendita ed assistenza tecnica : si fa ricerca e sviluppo anche a favore dei subfornitori.  La  I.M.A. è quotata in borsa dal 1995 e vi rimane, anche se non ha mai avuto interessi diretti come aumenti di capitale,  perché l’esservi conferisce a livello internazionale un immagine di solidità e garanzia. I concorrenti principali sono tedeschi, non ci sono concorrenti cinesi o del terzo mondo a causa del sofisticato know-how del prodotto, noi italiani siamo più apprezzati dei tedeschi perché ci adattiamo ai clienti, mentre i tedeschi no. Nel mondo purtroppo l’immagine italiana è peggiore di quella dei tedeschi a causa del sistema paese, ma il futuro dimostrerà le capacità tecniche di noi italiani. I.M.A. esporta il 93% del prodotto.

 Al termine Andrea Malagoli si concede gentilmente alle domande, che sono molto numerose a testimonianza del-l’interesse della sua relazione.

Breve profilo di Andrea Malagoli

Nato a Modena il 30 settembre 1965, è coniugato con una figlia.Laureato In Economia e Commercio, Imprenditore, è Amministratore Delegato della I.M.A. Industria Macchine Automatiche S.p.A.Già Direttore AFC e direttore Generale, possiede un’ottima conoscenza della struttura del Gruppo IMA, dell’organizzazione interna dello stesso e dei suoi mercati di riferimento.Membro della famiglia Vacchi, socio di riferimento della I.M.A. Industria Macchine Automatiche S.p.A., è altresì Consigliere della Holding SO.FI.M.A. Società Finanziaria Macchine Automatiche S.p.A., nonché Presidente o Consigliere Delegato in svariate società del Gruppo dislocate in Italia e all’estero.

Breve profilo della IMA SpA

 Fondata nel 1961, IMA è leader mondiale nella progettazione e produzione di macchine automatiche per il processo e il confezionamento di prodotti farmaceutici, cosmetici, alimentari, tè e caffè.Una leadership acquisita grazie a investimenti significativi nella ricerca e sviluppo, a un dialogo costante e costruttivo con gli end-user dei settori di riferimento, alla capacità del Gruppo di internazionalizzarsi e di conquistare nuovi mercati.

La sua storia è infatti caratterizzata da una crescita costante. Il Gruppo ha chiuso l’esercizio 2012 con ricavi consolidati paria 734,3 milioni di euro, di cui il 93% destinato all’export. Il Gruppo conta oltre 3.300 dipendenti, di cui oltre 1.400 all’estero, ed è presente in oltre 70 paesi, sostenuto da una rete commerciale composta di 15 filiali (Spagna, Francia, Regno Unito, Germania, Austria, Polonia, Russia, Stati Uniti, Cina, Thailandia e Brasile), uffici di rappresentanza in Europa centro-orientale e più di 50 agenzie.

IMA è impegnata in una joint-venture produttiva in Cina. Il Gruppo si avvale di 22 stabilimenti di produzione tra Italia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, India e Cina. IMA S.p.A. è quotata alla Borsa di Milano dal 1995 ed è entrata nel segmento STAR nel 2001. La Società ha depositato più di 1.000 brevetti nel mondo, conta oltre 400 fra tecnici e progettisti impegnati nell’innovazione di prodotto e ha lanciato numerosi nuovi modelli di macchine negli ultimi anni. L’assetto organizzativo del Gruppo prevede due brand principali: IMA Pharma e IMA Industries. Il primo attivo nella progettazione di macchine automatiche rivolte ai settori farmaceutico, cosmetico e chimico ed il secondo al settore del food. Per maggiori informazioni potete visitare i siti:

                 www.ima.it  e   www.ima-pharma.com www.ima-industries.com

Fotogallery della serata



Copyright © 2017 Rotary Club Modena.